ATLA Formazione Associazione Culturale

Home » Posts tagged 'malattia'

Tag Archives: malattia

I 6 PASSI DELLA GUARIGIONE

1. COMBATTI

E’  la prima fase, in cui le provi tutte perché il disturbo, la situazione poco piacevole o la relazione malata ti infastidiscono. Tuttavia ricorda che con l’odio non vai da nessuna parte, anzi alimenti ancora di più la situazione o il sintomo poiché non ti metti nella posizione di ascolto. Diventi come un bambino capriccioso e urlante che è troppo preso a piangere e sbraitare per ascoltare.

2 TOLLERI

E’ la fase successiva in cui inizi a capire che è ora di smetterla con l’odio e ti metti in una posizione neutra e al contempo attiva e ricettiva delle informazioni che quel disturbo o situazione spiacevole ti stanno dando.

Purtroppo molte persone inconsapevoli si fermano qui.

3. ACCETTI

In questa fase inizi a capire che tu hai generato lo squilibrio a livello corporeo o nella situazione. Con questo cambio di percezione acquisti forza. Il potere di ribaltare la situazione è in te!

4 ACCOGLI

Ti sei illuminato e ti metti nella condizione d’animo di disponibilità, hai capito la lezione e ora sei pronto al passo successivo.

5  AMI

Riesci finalmente ad amare e ringraziare anche questa parte di te malata. Fai entrare l’amore incondizionato nella tua relazione, nella situazione o nel corpo e questo ti porta alla fase finale.

6 GUARISCI/RISOLVI LA SITUAZIONE

E’ la fase in cui l’amore è entrato la situazione spiacevole si risolve, il malanno passa oppure riesci ad amare la persona che ti ha fatto soffrire. Questa è la conclusione del processo di guarigione dove sei protagonista e parte attiva con il perdono.

Se segui attentamente questi passi con le antenne ben alzate e la disponibilità ed apertura mentale necessarie, potrai guarire/risolvere qualsiasi cosa.

Tutte le altre forme di guarigione passiva ti portano a ripetere lo stesso film come un disco rotto poiché siamo qui per imparare finché la lezione non è appresa si ripetono sempre gli stessi errori o schemi.

Quindi occhio e antenne alzate! SEMPRE!

Con pace e amore

 

Laura Alghisi Target Coach

LA MENTE MENTE…IL CORPO NO!

la mente mente..il corpo no!

Prendo spunto da questa frase che ho scelto per presentare “l’Infinity Grow Night” di stasera.

Mi spiego meglio: molti di noi si raccontano la favola che tutto va bene, che hanno la vita perfetta, che il compagno che hanno accanto va bene così anche se lavora molte ore al giorno o addirittura é spesso via, ma tanto poi ci sono le vacanze e i week end per stare insieme e giù di cervicali, coliti, cisti, gastriti, emicranie per citarne alcuni, eh sì perché se la mente mente, il corpo parla..eccome!

Se solo ci prendessimo 5 minuti alla settimana (non dico al giorno!) per metterci in meditazione ed ascoltare quello che ha da dirci ne scopriremmo delle belle! Inizieremmo ad essere più consapevoli che ci stiamo accontentando di una vita confezionata, tranquilla, agiata e senza troppi grattacapi…quindi stiamo reprimendo e nascondendo a noi stessi ciò che il corpo ci sta urlando nel far suonare gli allarmi delle varie zone, come il sistema antifurto che si mette a suonare e noi continuiamo a spegnerlo (prendendo subito un rimedio chimico che spegne i sintomi) anziché andare a vedere perché l’allarme è suonato proprio là.
Attenzione non è detto che un certo pensiero faccia scattare per forza un determinato disturbo, ma è vero il contrario, cioè che se hai un disturbo é probabile che tu abbia un certo tipo di pensiero.

Se suona l’allarme dobbiamo iniziare a farci delle domande e cercare di modificare il sistema di pensiero che ha fatto scattare il segnale.
Un libro molto interessante che vi consiglio é basato sulla psico energetica e si intitola : “Dimmi dove ti fa male e ti dirò perchè” di Michel Odoul.
Questo non vuol dire sospendere le terapie con farmaci, ma é un valido aiuto per lasciar andare la malattia più in fretta e facilitare la guarigione, come avviene durante le sedute energetiche che conduco con il cristallo di rocca, anch’esso funziona da integratore e permette di fare pulizia mentale.

La salute fisica passa dall’ascolto di noi stessi!

Peace and Love

Laura

LA RICETTA DELLA GUARIGIONE

Prendo spunto da un obbiettivo che ho postato di recente sulla mia pagina fan di face book e che ha riscosso un buon successo: “ricordare e quindi riconoscere di avere un lato oscuro e ogni tanto tirarlo fuori per accoglierlo, dargli la giusta attenzione, amarlo e ringraziarlo perchè ci permette di apprezzare e gioire dell’altro lato, quello bello, che è più facile amare e che crediamo sia quello da mostrare sempre ed in ogni occasione.
La vera guarigione, intesa come massima espressione dell’essere umano, viene messa in atto prima con il riconoscimento e poi con un pizzico di amore e di gratitudine.

Questa è la ricetta per raggiungere lo stato di gioia proprio di una condizione guarita. La guarigione non riguarda solo le malattie (fisiche o psicosomatiche) ma anche le relazioni d’amore, d’amicizia, di lavoro o con il denaro. Tutto è relazione e quindi tutto può essere guarito. Con lo studio di “un corso in miracoli” ho imparato a non fare categorie di guarigione, ma tutte attraverso il miracolo si manifestano per la volontà dell’essere umano di cambiare direzione. Senza questa piccola disponibilità non sarebbe possibile nessuna guarigione poiché essa avviene secondo un processo che è uguale per tutti. Il primo passo è lamentarsi, ebbene sì! Se ci si lamenta di qualcosa significa che si riconosce che questa cosa non va bene per noi, poi smettere di lamentarsi…eh sì non si può andare avanti solo col lamento (anzi proprio non si va da nessuna parte con esso), il grande inganno di chi studia per la propria crescita personale è quello di credere che basta fingere che tutto sia in ordine e fare del positivismo gratuito..senza passare dalla fase lamentosa necessaria per il riconoscimento.. poi si arriva ad un punto di non ritorno in cui si scoppia o comunque la guarigione apparente nasconde un malcontento ancor più grave che immancabilmente si manifesta con una qualche sfera della propria vita che si ammala … quindi dopo aver riconosciuto che abbiamo un lato oscuro, bisogna dargli la giusta attenzione non ignorarlo o tentare di nasconderlo, anch’esso fa parte di noi, nessuno ne è esente altrimenti non saremmo su questa terra ma direttamente in paradiso…la magia o miracolo avviene quando infondiamo amore e gratitudine al ns lato oscuro, così venendo alla luce assolve alla sua funzione di farci apprezzare il lato bello della vita. Nel mondo duale dove c’è bianco e nero, notte e giorno, yin e yang, senza il lato oscuro la vita sarebbe piatta e insapore. Quindi ben vengano i momenti bui perché si impara tanto da essi vivendoli e così si superano e si impara a vivere sempre più abbondanti momenti di felicità dove si sperimenta la condizione di pace divina.

Laura Alghisi – TARGET COACH

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: