ATLA Formazione Associazione Culturale

Home » Posts tagged 'rapporti interpersonali'

Tag Archives: rapporti interpersonali

IL NOSTRO CALENDARIO FINO ALLA FINE DELL’ANNO FORMATIVO 2017-2018

Giornata di guarigione delle ferite emozionali con le costellazioni famigliari

Torna il CERCHIO DELLE DONNE

Torna dopo due anni di pausa e con una nuova collaboratrice che lo conduce, il Cerchio delle Donne. Si tratta di un percorso di incontri serale dedicate alle sole donne all’insegna dell’Amore per noi stesse, per Ri-scoprire e Ri-conoscere la nostra parte più profonda.
Utilizzando meditazioni, esercizi di gruppo, movimenti Yoga, cerchi energetici per imparare a conoscerci e ad amarci in modo autentico.
A cura di Denise Boschiroli, costellatrice familiare, operatrice energetica, insegnante Yoga, esperta di meditazione e Tantra.

E’ possibile partecipare anche ad un solo incontro, ma consigliamo di partecipare al percorso intero.

La Comunicazione Non Verbale

5 COSE CHE IL COACH NON FA

5 cose che il coach non fa

1. Miracoli. Non scambiare il tuo coach per Gesù Cristo, anche i coach più preparati e formati nelle discipline del benessere psicofisico, NON potranno mai sostituirsi a te nella decisione di guarire. Sta solo ed unicamente a te di crederci e renderla reale.
2. Predire il futuro. Quello lasciamolo fare ai cartomanti farlocchi. Nessuno è in grado di vedere il futuro di un’altra persona e ricorda che il tuo è il frutto delle tue decisioni quotidiane.
3. Sapere a prescindere ciò che è meglio per te. Anche qui, allontanati subito dagli  imbonitori che ti indicano sempre cosa fare, senza presentarti gli scenari possibili. A loro sta indicati la soglia ma sei tu a doverla attraversare.
4. Impedirti di sbagliare. Parola d’ordine: libero arbitrio. Il coach ti può far riflettere e immaginare cosa succederà se fai una determinata cosa, ma ricordati che non ti impedirà mai di agire in un verso piuttosto che in un altro anche se in cuor suo pensa che la probabilità di sbagliare è alta.
5. Dare spiegazioni ai tuoi famigliari ed amici al posto tuo. Non insistere perché il tuo coach si sostituisca a te nel riferire ai tuoi cari cosa ti sta succedendo ed evita di dargli la responsabilità del tuo cammino di cambiamento.

Mi auguro che questa mini guida ti sia utile.

 

con amore e pace

 

LauraAlghisi Target Coach

L’ALTRO LATO DELLA MEDAGLIA-LA GELOSIA

Gelosia
Gelosia
è come la pazzia
vive di fantasia
non ti fa’ più dormire
Gelosia
è come una bugia
cresce come un’idea
non ti fa’ più dormire “
Cantavano così qualche anno fa i ” Dirotta su Cuba”
Eccoci qui con la seconda puntata dedicata all’altra faccia della medaglia delle emozioni cosiddette negative, se vi siete persi il post precedente dedicato all’invidia vi invito ad andare a leggerlo.
Vediamo di partire dal significato del termine “gelosia” tratto dal dizionario online Sabatini Coletti:
1. Sentimento di chi ha paura di vedersi sottratto l’oggetto del proprio amore.
2. Avversione verso chi ci sembra ricevere più attenzioni di noi dalla persona che amiamo o stimiamo.
3. Cura scrupolosa.esempio: custodire qualcosa con gelosia.
Nei primi tre significati vediamo il lato negativo che ci fa soffrire, il terzo significato apre la strada ad una visione positiva del termine, ma andiamo avanti e vediamo anche l’etimologia che deriva dal latino medioevale: “zelusus” ossia: pieno di zelo.
E ancora, “zelo” significa:
Dedizione assidua e tenace a un compito, a un impegno, a un lavoro.
Ecco che abbiamo tutti gli elementi per ristrutturare il significato di gelosia che possiamo trasformare in come una dedizione attenta al proprio rapporto d’amore.
Due persone che hanno scelto di amarsi si appartengono nel profondo, non è necessario tenere il partner stretto a sé, soffocarlo, impedire che abbia delgi interessi, pedinarlo per paura che scappi , infatti secondo la legge dell’attrazione, la nostra paura avrà grandi probabilità di verificarsi con tali condizioni.
Invece l’amore richiede cura come un giardino di rose dove è necessario innaffiare, potare e concimare con regolarità per far sì che fiorisca rigoglioso. Il rapporto d’amore richiede quindi una sana gelosia nel senso che ho spiegato qui sopra, dove le due persone si dedicano l’una all’altra per il benessere comune, la donna nutre l’uomo e lo eleva, mentre l’uomo fa da sostegno così le due colonne sono equilibrate, immaginate cosa succederebbe se una delle due colonne si dimenticasse dell’altra, se non le importasse più nulla, oppure se al contrario volesse sopraffarla per nasconderla al mondo. Si creerebbe un disequilibrio insano che protratto nel tempo porterebbe sofferenza alla coppia e di conseguenza al desiderio di uno dei due di fuggire, appunto si verifica la paura più grande della persona geloso-ossessiva.
Quindi impariamo a innaffiare il nostro giardino quotidianamente con il dialogo, lo scambio dei punti di vista è fondamentale per una coppia sana, con le coccole, il contatto del corpo è un linguaggio universale che riconosciamo ancora prima di apprendere l’uso del linguaggio e quando serve invece diamo una buona mano di concime, ovvero ritagliamoci degli spazi solo per noi, una cenetta, un week end benessere, fare sport insieme, visitare un posto nuovo, perché no? frequentare un percorso di crescita personale insieme.
questa è la forma più funzionale di gelosia, cioè l’avere cura del proprio partner.
Lo stesso vale coi figli o con qualsiasi altro oggetto d’amore, il modo migliore per dimostrare amore nei loro confronti è prendersene cura con dedizione e non tenerli nascosti o soffocati nell’agire.
Quindi siate gelosi! Ma attenzione al significato!
Con pace e amore
Laura Alghisi
Target coach
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: